Menu cucina romana: dagli antipasti ai dolci

Un menu cucina romana presenta moltissime possibilità diverse per chi è alla ricerca di piaceri gastronomici tipici ma al contempo intensi. Ovviamente al giorno d’oggi la cucina si è evoluta rispetto a quella di duemila anni fa, e molti di questi piatti sono diversi da quelli a cui erano abituati gli antichi romani. Ciononostante, buona parte degli ingredienti rimangono gli stessi, così come rimane immutata l’origine di carattere prettamente contadina e rurale di molte di queste pietanze.

Ma andiamo per ordine, e proviamo a immaginare questa pagina come se fosse un vero e proprio menu della cucina romana prototipica!

Antipasti tipici romani

Molti sono gli antipasti tipici della tradizione romana; semplici certo, ma sicuramente ricchi di gusto e adatti a ogni tipo di palato. Si può iniziare con delle bruschette, veloci da preparare ma mai banali. Il segreto per ottenere l’equilibrio perfetto è renderle croccanti, facendo però attenzione a non bruciarle! I pomodorini che useremo per arricchirle dovranno essere ben conditi, mentre a completare il tutto ci pensano aglio e olio extravergine d’oliva. Le bruschette sono talmente amate nella capitale da aver ispirato anche alcuni sonetti, come quello del compianto attore comico (e nota buona forchetta) Aldo Fabrizi.

cucina romana fagioli uccelletto menu aristocampoFagioli all’uccelletto

In concomitanza alle bruschette, si può iniziare il pasto con taglieri di affettati e formaggi, magari accompagnati da un ottimo bicchiere di vino rosso. Particolare attenzione va posta alla mozzarella di bufala, che anche se si qualifica come campana riesce ad esprimere il meglio di sé solo se presentata in compagnia di un tipico prosciutto nostrano.

Altri antipasti fritti sono romani per tradizione, ma ebraici per natalità: fra questi non possiamo tacere dei carciofi alla giudìa. Dall’origine molto antica, si narra siano nati all’interno del ghetto ebraico della capitale. La tradizione vuole che per la realizzazione di questa pietanza vengano utilizzati esclusivamente i cosiddetti carciofi cimaroli (detti anche mammole): tondi, teneri e privi di spine, sono i migliori della varietà romanesca e vengono coltivati tra Ladispoli e Civitavecchia.

menu cucina romana carciofiCarciofi alla romana

Leggi anche:  Ricette romane antiche: cenni storici e curiosità

Menu cucina romana: le portate principali

I Primi

Nonostante la bontà degli antipasti romani, sarebbe ingiusto negare che la maggior parte delle pietanze che hanno fatto la storia di Roma sono i primi piatti. Ne citeremo solo alcuni, perché una lista esaustiva rischierebbe di essere sterminata.

Imprescindibile da provare, se ti rechi a Roma, la carbonara! Alcuni ritengono che la ricetta sia stata introdotta dagli americani durante la guerra, ma vi è probabilmente poco di vero in queste supposizioni. La carbonara è anche protagonista di un fenomeno sociale, uno di quei fenomeni che – come la politica e il calcio – divide gli italiani in due grandi squadre: da un lato ci sono i “puristi”, che sostengono che per fare una vera carbonara vada utilizzato esclusivamente il guanciale. Dall’altro abbiamo gli sperimentalisti, che non chiudono la porta all’ipotesi di utilizzare la pancetta.

carbonara menu cucina romana tipicaUn momento dell’impiattamento di una squisita carbonara eseguita al ristorante Aristocampo a Trastevere

Anche il cosiddetto cacio e pepe è una ricetta semplice, che necessita di soli tre ingredienti: pasta, formaggio e pepe, appunto! La difficoltà sta infatti nel saperli dosare e mantecare nel giusto modo.

cacio e pepe piatto tipico cucina romanaCacio e pepe

Un ultimo piatto che non può mancare di essere menzionato in questa lista è quello dei bucatini all’amatriciana. Nati come variante della “griscia”, originaria della città di Amatrice, ebbero un enorme popolarità nella capitale già a partire da fine Ottocento. In questo piatto torna protagonista il guanciale, che va soffritto e sfumato con del vino bianco secco, a cui si aggiunge il condimento di pomodoro e formaggio Pecorino DOC.

Un secondo per domarli tutti: il quinto quarto

Molti dei secondi piatti tipici romani a base di carne trovano la loro origine nella tradizione “macellara”, ossia nei pressi dei mattatoi. Qui, ai più poveri veniva venduta la carne non compresa nei canonici quattro quarti (ad appannaggio della classe benestante); ed ecco che dal quinto quarto, che all’epoca veniva quindi considerato una sorta di scarto della carne buona, sono poi originate alcune delle ricette più iconiche di ogni menù della cucina romana come la trippa, la coda alla vaccinara, la pajata e la coratella.

menu cucina romana abbacchio scottaditoLe costine di agnello alla scottadito con patate, preparate dal ristorante Aristocampo Trastevere

Leggi anche:  Coppiette di maiale: quando la necessità diventa prelibatezza

Menu cucina romana: la proposta di Aristocampo Trastevere

La nostra proposta rispetta in toto quello che è il menu della cucina tradizionale romana. All’interno della nostra offerta potrai trovare tutte le pietanze precedentemente elencate, preparate nel massimo rispetto di quella che è la storia culinaria della Città Eterna. 

Per iniziare il tuo pranzo o la tua cena da noi, ti proponiamo delle gustosissime bruschette in quattro modi differenti: al pomodoro e basilico, con dei delicati fagioli all’uccelletto, con burro e alici oppure in versione “filante” con pomodoro e mozzarella.

menu cucina romana straccettiStraccetti di manzo di nonna Emilietta

Per quanto riguarda gli altri antipasti della casa offriamo degli squisiti taglieri di salumi e formaggi. Qui da Aristocampo adoriamo la mozzarella di bufala e la proponiamo sia con una salsa al pomodoro che con dell’ottimo prosciutto. Particolarmente fieri andiamo del nostro involtino di melanzane con bufala e salsa di basilico. Vasta scelta anche per quanto concerne i fritti: broccoli, ricotta fritta, cartoccio misto di verdure.

Chi è attento alla linea e preferisce tenersi leggero può optare poi per delle briose insalate: con tonno, mozzarelle di bufala oppure ancora la celeberrima Ceasar Salad. In alternativa una pasta e fagioli, un appetitoso minestrone o la zuppa del giorno.

Arriviamo quindi ai primi, piatti “forti” del nostro ristorante in tutti i sensi. Tutte disponibili ovviamente le pietanze proposte più in alto, in perfetta linea con la tradizione romana. Vi proponiamo quindi due paste da sempre nei cuori dei romani: gli intramontabili bucatini all’amatriciana oppure cacio e pepe.  La carbonara, ennesimo evergreen dei menu laziali, non poteva ovviamente mancare all’appello. Altre gustose ricette a base di pasta sono i classici spaghetti con polpette, così come gli gnocchetti pomodoro e basilico. Per chi preferisce il pesce alla carne offriamo spaghetti alle vongole oppure con cozze, pomodoro e pecorino. Le fettuccine gamberoni e zucchine chiudono la nostra offerta dei primi.

Per quanto concerne i secondi, sono numerose le specialità di carne disponibili. Non potevano mancare nel nostro menu i saltimbocca e la trippa alla romana, così come le costine di agnello allo scottadito. In alternativa è possibile provare del pollo alla cacciatora, polpette di manzo al sugo, salsiccia in umido con fagioli e gli straccetti di manzo di Nonna Emilietta.

menu cucina romana polpettePolpette di manzo al sugo

Leggi anche:  Burro e alici: ricetta della bruschetta perfetta e dove assaggiarla

A fine pranzo non fare l’errore di perderti il dolce!  Nel pieno rispetto della tradizione locale, da Aristocampo Trastevere troverai pere cotte al vino e ciambelline di cantucci, o in alternativa tiramisù e panna cotta.

Insomma, se vuoi mangiare piatti di un menu tipico della cucina romana, vieni a trovarci da Aristocampo Trastevere, oppure prenota direttamente sul nostro sito!

vino dopo menu cucina romana

2018-05-28T17:52:24+00:00