Carbonara

    Carbonara 2018-05-08T18:19:43+00:00

    Project Description

    ARISTOCAMPO – MIGLIORE CARBONARA A TRASTEVERE

    Sogni una carbonara squisita in un ristorante tipico a Roma, in particolare a Trastevere? La carbonara è uno dei piatti più amati dagli italiani, non soltanto dai romani, ad Aristocampo non si “contano” gli ospiti che ce la chiedono!

    CARBONARA: CENNI STORICI

    Gli albori di questa prelibatezza sono incerte ma si sostiene che abbia avuto origine in Umbria e che poi si sia diffusa a Roma per opera dei carbonari nel XIX secolo, dai quali prende il nome. Altri fanno risalire la carbonara nel periodo della seconda guerra mondiale quando nelle razioni militari gli americani mangiavano bacon e uova.

    ristorante carbonara trastevere roma
    ristorante carbonara trastevere vino

    RIGATONI ALLA CARBONARA: LA RICETTA DI ARISTOCAMPO

    INGREDIENTI

    Per la riuscita di questo piatto la scelta degli ingredienti è fondamentale. Pancetta o guanciale? Assolutamente guanciale di prima qualità, selezionato dal nostro fornitore di Leonessa (la premiata azienda “Sano“, nel reatino), con un alto tasso di muscolo e bassa quantità di grasso. Il guanciale viene preparato con un condimento di sale e pepe e con rosmarino, un pizzico di aglio e salvia. Stagionato per circa tre mesi, periodo durante il quale si crea la classica crosta esterna e il suo interno assume un sapore molto caratteristico. Parmigiano o pecorino? Rigorosamente pecorino romano perché ne esalta il sapore e amalgama tutti gli ingredienti principali.

    PREPARAZIONE E VINO CONSIGLIATO AL RISTORANTE

    La ricetta è molto semplice ma non per questo di facile realizzazione. Tagliare il guanciale a listarelle facendolo rosolare in padella senza olio. Il tuorlo delle uova va sbattuto a parte e condito con pepe e pecorino. La pasta? I famosi rigatoni, cottura al dente, conditi a dovere con il grasso del guanciale. Sommergere infine con le uova sbattute e rimescolare, continuando a spolverare il pecorino senza mai aggiungere acqua. La consistenza deve essere cremosa e non fluida, se la pasta si asciuga troppo non mettere ulteriore pecorino. Il risultato è una carbonara morbida, gustosa e appetitosa, un piacere unico. Servita direttamente in padella.

    IL VINO DA ABBINARE?

    Per esaltare la tradizione consigliamo di accompagnarla con un vino ben strutturato come un Negramaro.

    GALLERIA